• +39 0445 300876
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sistemi di drenaggio per oleifici

  • La storia dell’olio d’oliva inizia addirittura nel 2500 a.C..
  • Dalla molitura delle olive all’olio: il percorso dei moderni oleifici.
  • Superfici umide e rischio scivolosità: l’importanza del sistema di drenaggio.
  • Resistenza alla corrosione e proprietà antibatteriche: i vantaggi dell’acciaio inox.

Una componente essenziale degli oleifici

Pavimenti scivolosi e liquidi consistenti. I sistemi di drenaggio sono una parte essenziale nel funzionamento degli oleifici. I locali preposti alla lavorazione delle olive, infatti, richiedono una continua azione di deflusso dei liquidi. La soluzione migliore? Anche in questo caso, non può che essere l’acciaio inox. Per capire perché è però il caso di conoscere il metodo di lavoro dei produttori di olio, partendo dall’antichità.

Dal codice di Hammurabi ai frantoi della tradizione

Quella dell’olio d’oliva è una storia che affonda le radici negli albori della storia. La prima regolamentazione di produzione e commercio risale addirittura al 2500 a.C., attraverso il codice babilonese di Hammurabi. Furono i Greci, tuttavia, a diffondere la coltivazione dell’olivo nel Mediterraneo. L’olio d’oliva, esportato in tutto il mondo grazie ai Romani, cadde nel dimenticatoio in seguito al crollo dell’impero. Fu solo nel medioevo che la produzione dell’olio riprese slancio e nel 1400 l’Italia divenne il maggior produttore di olio d’oliva nel mondo. Un primato che ha dato modo, nei secoli, di affinare le tecniche di produzione. Gli oleifici tradizionali erano costruzioni generalmente sviluppate su tre livelli, al fine di sfruttare la forza di gravità come motore. Nella terminologia comune, l’intero edificio veniva chiamato frantoio. Quest’ultimo, in realtà, era solamente uno dei locali, anche se il più importante. Nello specifico, si trattava del luogo in cui avveniva la molitura delle olive e l’estrazione dell’olio. Tuttora, nel linguaggio comune, gli oleifici vengono indicati con il termine frantoio.

Produzione olio di oliva: come funziona un oleificio moderno

L’adozione di impianti meccanici e idraulici ha rivoluzionato completamente la struttura degli oleifici. Grazie al nuovo processo di automazione, è venuta meno l'esigenza della realizzazione di edifici sviluppati su più livelli. Sono sorte quindi strutture più semplici, concentrate in un unico piano, così da essere più funzionali al processo di produzione. L’impianto moderno è chiamato anche frantoio a ciclo continuo, in quanto costituito da un insieme di macchinari collegati tra di loro. La caratteristica, dunque, esclude ogni interruzione nella lavorazione. Per quanto riguarda le tecniche impiegate per estrarre l’olio, i moderni oleifici utilizzano un processo di centrifugazione:

  • l’estrazione viene effettuata con un frangitore, nel quale le olive vengono macinate assieme al nocciolo;
  • la pasta di olive viene rimescolata per meno di un’ora, per favorire la successiva separazione dell’olio.

Infine, la pasta entra in una centrifuga che separa la parte solida, detta sansa, dall’acqua vegetale e dall’olio.

I sistemi di drenaggio negli oleifici

In questa tipologia di strutture, assume un ruolo fondamentale il sistema di drenaggio. Gli ambienti di un oleificio sono caratterizzati da lavorazioni miste, con superfici semi-umide e ad alto rischio di scivolosità. Questo discorso vale per i diversi locali: quello preposti al lavaggio, ma anche alla frangitura, gramolatura ed estrazione dell'olio. Le pavimentazioni devono essere progettate con la massima cura ed esigono una costante manutenzione per via degli acidi organici presenti. L’utilizzo di canalette a fessura e chiusini non è tra i più consigliati. Questo per l’elevata densità e consistenza dell’olio, che potrebbe andare a ostruirli. Sono preferibili sistemi di drenaggio dotati di griglie di protezione a maglie larghe e con sistemi di decantazione appositamente progettati. Onde prevenire la produzione di muffe e batteri è raccomandato, inoltre, l’utilizzo di materiali antibatterici certificati.

La soluzione dell’acciaio inox

Anche per gli oleifici, la soluzione più adatta rimane l’acciaio inox. Oltre alle proprietà antibatteriche, che ne conferiscono i massimi standard igienici, l’inox possiede altri indiscutibili vantaggi. Tra gli altri:

  • l’ottima resistenza alla corrosione e la richiesta di una manutenzione ridotta;
  • la capacità di resistere a carichi pesanti.

Tra i primi in Italia a ideare una linea interamente costruita in acciaio inox, Inoxsystem® può fornire anche per il settore degli oleifici la giusta soluzione. Per far fronte all’alta scivolosità, l’azienda suggerisce i suoi sistemi di drenaggio a canale grigliato con superficie dentellata, idonei per il passaggio antiscivolo.  La soluzione migliore, inoltre, è la linea Inoxsystem® Total Hygenic, che garantisce la massima resistenza ai batteri, oltre che una griglia antiscivolo. I sistemi di drenaggio vengono interamente realizzati in acciaio inox AISI 304, consigliato negli ambienti del settore alimentare. Per particolari esigenze di maggiore resistenza a sale, cloro e acidi è però possibile richiedere anche l’AISI 316.

Richiedi maggiori informazioni

Si prega di compilare i campi richiesti.
Si prega di compilare i campi richiesti.

Altro dal blog


certificazione iso 9001
 certificazione riina
certificazione alimentare
certificazione ce
 
© 2022 Inoxsystem srl. All Rights Reserved.
P.IVA 03544470242
Via dell' Artigianato, 33 - 36042 Breganze (VI) - Italy
Tel. +39 0445300876
E-mail: info@inoxsystem.it

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore questo sito utilizza anche cookie di partner selezionati. Se vuoi saperne di più clicca su dettagli.
Proseguendo la navigazione o cliccando su acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.