• +39 0445 300876
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Sistemi di drenaggio: tra grandi piogge e siccità

  • Gli effetti del cambiamento climatico si vedono anche in Italia e in Europa: siccità e piogge come ai tropici
  • Nella prima metà del 2022 l’Italia ha vissuto il peggior periodo di siccità degli ultimi 70 anni
  • Una siccità prolungata rende i terreni troppo secchi, duri, più a rischio inondazioni
  • Convogliare e raccogliere la pioggia per usarla e risparmiare sulla bolletta dell’acqua

Cambiamento climatico e “tropicalizzazione”

Le stagioni non sono più quelle di una volta, tanto che anche alle nostre latitudini si parla di tropicalizzazione del clima, con lunghi periodi di siccità interrotti da nubifragi improvvisi. Si tratta di una condizione che non può più essere ignorata visto che sempre più spesso le bombe d’acqua mettono a rischio i territori. Non solo, queste improvvise precipitazioni, oltre a creare numerosi danni, non bastano ad offrire il giusto apporto idrico a giardini e terreni, in affanno il resto del tempo. Per questo è sempre più utile realizzare dei sistemi di drenaggio che consentano di recuperare l’acqua piovana per poterla utilizzare nei periodi di siccità, creando così un circolo virtuoso.

Il peggior periodo di siccità degli ultimi 70 anni

Quella vissuta in Italia nell’estate del 2022 è stata definita come la peggiore siccità degli ultimi 70 anni*. Gli effetti sono stati sotto gli occhi di tutti, con corsi d’acqua e laghi letteralmente a secco e terreni spaccati dall’eccessiva arsura. Secondo i dati forniti dal Cnr, da gennaio a maggio del 2022 sull’Italia sono cadute circa la metà delle precipitazioni rispetto alla media degli ultimi 30 anni. Una mancanza di piogge che nelle regioni del Nord è salita al 60%. Questo ha portato a due necessità:

  • la messa in sicurezza di case, uffici e infrastrutture, perché la siccità aumenta il rischio di inondazioni;
  • il recupero dell’acqua piovana.

Una condizione da gestire se si vogliono ridurre i rischi e massimizzare le note positive.

I terreni troppo secchi sono più a rischio inondazioni

Durante i lunghi periodi di siccità il rischio di inondazioni aumenta perché il terreno più è asciutto e più diventa compatto e duro, riducendo la velocità con la quale è possibile assorbire l’acqua proveniente da acquazzoni improvvisi e temporali. Inoltre, se i sistemi di drenaggio sono ostruiti, sottodimensionati, o peggio, non esistono, si possono allagare parcheggi, garage, cantine, ma anche giardini e terreni agricoli. È un evento da non sottovalutare, perché anche pochi minuti di pioggia intensa possono devastare provocando danni ingenti.

Progettare e realizzare sistemi di drenaggio per combattere la siccità

Limitare gli effetti delle bombe d’acqua, prevenire allagamenti o danni ben maggiori, e al contempo raccogliere l’acqua piovana per poterla utilizzare contro la siccità è possibile. Basta progettare correttamente gli edifici, gli spazi esterni e anche giardini e terreni, dotandoli di validi sistemi di drenaggio. Questi ultimi da una parte alleggeriscono rapidamente le strutture dell’eccesso d’acqua, arrivando anche a proteggerle da possibili infiltrazioni. Dall’altra possono convogliare la pioggia in appositi sistemi di stoccaggio che, in rete o autonomamente, consentono di riutilizzare l’acqua piovana per diversi usi.

Come dotare la propria abitazione di un buon sistema di drenaggio

Quando si decide di installare un impianto di drenaggio bisogna valutare una serie di elementi:

  • la lunghezza che dovrà avere il canale, in base alla pendenza del pavimento;
  • la posizione dello scarico, a seconda di dove sono le tubazioni;
  • se serve o no il sifone antiodore, a seconda che si scarichi su acque bianche o grigie;
  • le altezze a disposizione nel massetto;
  • dove serviranno dei punti di raccolta e quanta acqua dovranno scaricare, a seconda che siano per acqua di pulizia o di pioggia.
  • La tipologia di materiale scelto, a seconda che si preferisca un sistema di drenaggio in acciaio inox aisi 304 o 316, oppure plastica, ghisa, etc.

La tipologia del materiale scelto è sicuramente uno degli aspetti più importanti per valutarne la durata in una pavimentazione. Un altro aspetto da considerare è la tipologia di canali e/o chiusini. In questo caso ad orientare la scelta possono essere diversi fattori: la capacità di drenaggio, la carrabilità, l’estetica… Per tutte queste ragioni è fondamentale poter contare su un prodotto customizzato e su un consiglio professionale. Il team di Inoxsystem® è a disposizione per un parere tecnico sulla predisposizione del sistema di drenaggio più efficace, per una dettagliata spiegazione delle differenze tra i prodotti e per una rapida realizzazione di prodotti su misura.

Richiedi maggiori informazioni

Si prega di compilare i campi richiesti.
Si prega di compilare i campi richiesti.

Altro dal blog


certificazione iso 9001
 certificazione riina
certificazione alimentare
certificazione ce
 
© 2023 Inoxsystem srl. All Rights Reserved.
P.IVA 03544470242
Via dell' Artigianato, 33 - 36042 Breganze (VI) - Italy
Tel. +39 0445300876
E-mail: info@inoxsystem.it

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore questo sito utilizza anche cookie di partner selezionati. Se vuoi saperne di più clicca su dettagli.
Proseguendo la navigazione o cliccando su acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito.